termografia

approfondimenti:

aspetti TERMICI

trasmittanza

 

E’ quindi chiaro che per ottenere un certo valore di Trasmittanza si può "giocare" su Spessore e/o Conducibilità.

Dal 1° gennaio 2010 sono stati stabili per legge dei valori limiti della Trasmittanza termica, valori che dipendono dalla zona climatica in cui si trova l’edificio (edificio di nuova costruzione).

Si riportano i valori limiti per la Trasmittanza previsti dalla norma:

 

  Zona Climatica

Alcuni esempi di località

 Strutture Opache Verticali

Coperture

Pavimenti (*)

 Chiusure Traspar.

A

Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle

0,62

0,38

0,65

4,6

B

Catania, Messina, Palermo, Reggio Calabria

0,48

0,38

0,49

3,0

C

Bari, Cagliari, Catanzaro, Imperia, Napoli, Taranto

0,40

0,38

0,42

2,6

D

Ancona, Firenze, Genova, Roma, Pescara

0,36

0,32

0,36

2,4

E

Aosta, Biella, Bolzano, Milano, Potenza, Torino

0,34

0,30

0,33

2,2

F

Cortina, Cuneo, Courmayeur, Livigno, Sestriere

0,33

0,29

0,32

2,0

 Quindi, ad esempio, i muri perimetrali (strutture opache verticali) di una nuova casa realizzata a Roma (zona climatica D), dovranno avere una Trasmittanza Termica non superiore a 0,36 W / m K.

Nella tabella e nel grafico seguente sono riportati gli spessori (in mm) che devono avere i materiali di una data Conducibilità Termica l per ottenere una certa Trasmittanza Termica U.

 

Per una tabella completa, si veda "Approf. aspetti TERMICI - allegato A"